Catalogna

Siamo all'estremità nord orientale della Penisola Iberica, tra Pirenei e Mediterraneo. Questa è la Catalogna, la regione di Barcellona, comunità autonoma, dalla cultura e dall'identità molto forte.

Siamo in una regione davvero particolare della Spagna, una comunità autonoma che da sempre, e ultimamente in maniera ancora più vivace, ha rivendicazioni autonomiste che nascono da specificità culturali e, oggi, anche economiche. La Catalogna pensa sempre più che una totale autonomia dalla Spagna le consentirebbe una rinascita economica notevolissima.
Il nome Catalogna è ancora circondato da incertezza: per spiegarne l'origine c'è chi ritiene significhi "terra dei castelli"; secondo altri arriverebbe da "terra dei Goti"; altri ancora sostengono derivare da un principe alemanno chiamato Catalò. In ogni caso il Principato di Catalogna appare, giuridicamente, nel XIV secolo e rappresentava più che un regno un insieme di contee.
Nel corso del XIX secolo si assistete a quello che fu definito Risorgimento Catalano che portò, nel 1931, alla nascita della regione autonoma; autonomia soppressa dal franchismo e ristabilita nel 1975 alla morte del dittatore.

Dal punto di vista naturalistico è interessante sapere che in Catalogna esistono ben 11 parchi naturali, cosa questa che dimostra il grande sforzo e investimento che le autorità catalane hanno fatto sulla natura, cosa questa che ha importanti ricadute sul turismo. Questa particolare attenzione forse deriva anche dal fatto che, la Catalogna ha un territorio geograficamente molto diversificato la cui varietà rappresenta una ricchezza: la sua geografia può essere, sinteticamente, divisa in tre zone e cioè i Pirenei, il Sistema Mediterraneo Catalano e la Depressione Centrale Catalana.

catalognaDal punto di vista artistico la Catalogna si differenzia dal resto della Penisola Iberica per non avere avuto sul suo territorio, una massiccia presenza visigota, nascendo in realtà, con caratteristiche simili al movimento pre-romanico e romanico. Discorso analogo, per certi versi, è quello che caratterizza le arti figurative catalane, fortemente influenzate dagli artisti italiani e del Nord Europa. Dal punto di vista culturale a rendere importante la storia e l'identità della Catalogna è la lingua; elemento attorno a cui si "aggrappano" altri tipi di rivendicazioni e sottolineature di diversità rispetto al resto della Spagna. Cultura e tradizioni che fanno della Catalogna una terra comunque ricca di storia e di identità: tra le tradizoni più conosciute della Catalogna troviamo i correfocs, cortei in cui alcuni diavoli, che incarnano il male, preparano i loro fuochi di artificio. Molto conosciuti i colles castelleres, impressionanti torri umane che animano alcune feste soprattutto della regione di Tarragona.

Dal punto di vista economico bisogna dire che la Catalogna, dopo essere stata una delle locomotive economiche dell'intera Europa, sta vivendo il momento di difficoltà del resto della Penisola Iberica, motivo per cui ben il 51% dei catalani vorrebbe la totale indipendenza. La Catalogna ha una situazioe debitoria non facile ma, come stabilito dal piano di austerità approvato dal Consiglio per la politica fiscale della Giunta locale, portare il suo deficit all1,5% dal 3,9% con cui si è chiuso il bilancio del 2011. Per avere notizie aggiornate sulla situazione economica della Catalogna si può consultare il sito della Generalitat de Catalunya con il suo Departament d'Economia i Coneixement, molto ben fatto e aggiornato. Di certo l'industria turistica continua a rappresentare una fonte non secondaria di introiti: Barcellona resta infatti, e giustamente, tra le mete turistiche preferite al mondo.




Scrivici se hai domande o commenti sulla Spagna

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nome *

Email *

Commento